Nella sua Enciclopedia delle scienze filosofiche Hegel parla con enfasi del merito del cristianesimo nell’aver portato l’idea e l’esperienza di libertà all’uomo. «Quest’idea – scrive Hegel – è venuta nel mondo per opera del cristianesimo». Di che idea di libertà parlava? Proseguendo la lettura del testo di Hegel lo scopriamo subito: «Essendo oggetto e scopo dell’amore di Dio, l’uomo è destinato ad avere relazione assoluta con Dio come spirito, e far sì che questo spirito dimori in lui: cioè l’uomo è in sé, desinato alla somma libertà».
La libertà che Hegel canta è singolare e nasce dal rapporto unico che il cristianesimo ha sottolineato tra la creatura umana e il suo creatore sfidando l’antico arco del fatum.
All’inizio del suo imponente volume, La libertà a rischio. Le idee moderne e le radici bibliche, Giuseppe Angelini, già conferma che il lessico della libertà è entrato nella lingua dell’Occidente attraverso i testi fondatori del cristianesimo, gli scritti del NT, i quali hanno introdotto il lessico della libertà non solo nel linguaggio religioso, ma anche «nella lingua comune dell’Occidente in genere».
Ora il nodo «rischioso» della questione è che questa libertà ha vissuto un passaggio verso il plurale e «proprio il passaggio alle libertà plurali» costituisce un indizio del «logoramento della densità semantica del termine. La libertà rivendicata è precisata sempre da un genitivo: libertà di movimento, di parola, di pensiero, e addirittura di coscienza».
Nel corso del volume, l’A. porta avanti due interrogativi importanti. Il primo è quello con cui traccia l’effettivo contributo del cristianesimo alla generazione dell’idea di libertà propria dell’Occidente. Lo fa in dialogo con autori come Origene, Agostino, Anselmo, Tommaso, Scoto, Lutero, ecc.

Il secondo interrogativo è quello della divergenza ovvero, la distanza che è venuta man mano a crearsi tra la libertà annunciata dal cristianesimo e le libertà che l’Occidente ha perseguito la quale sta mettendo la libertà a rischio, come recita il titolo del volume.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: