Categorie


Quante volte capita che ci sentiamo più affini e più imparentati con i fratelli e le sorelle spirituali che con quelli della carne? Quest'ultimo legame è biologico, quello spirituale è teologico e teleologico. Ed è proprio la dimensione teleologica, ovvero, il fine comune, a rendere gli amici nello Spirito più vicini. Perché per quanto il sangue possa legare e unire, non lo farà mai quanto l'aspirazione condivisa della Bellezza, dell'Amore e della Parola di Verità. La somma benedizione è quando i parenti di sangue diventano anche famiglia spirituale.
#pregolaParola
(Mt 12,46-50)
Mentre egli parlava ancora alla folla, ecco, sua madre e i suoi fratelli stavano fuori e cercavano di parlargli. Qualcuno gli disse: «Ecco, tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e cercano di parlarti». Ed egli, rispondendo a chi gli parlava, disse: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Poi, tendendo la mano verso i suoi discepoli, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chiunque fa la volontà del Padre mio che è nei cieli, egli è per me fratello, sorella e madre».

Robert Cheaib
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole


San Pier Damiani visse in un’epoca complessa della storia della Chiesa, per questo motivo, la sua testimonianza, all’alba del secondo millennio acquisisce un valore particolare, non solo a livello religioso, ma anche a livello culturale e storico. L’opera del santo, edita da Città Nuova, presenta nel volume 1/6 alcune lettere del santo rivolte a vari personaggi. Le lettere in questione sono dalla 113 alla 150 e si rivolgono a svariate persone (e personalità che vanno dal nipote Damiano al papa Alessandro II, dal fratello Damiano a Ugo abate di Cluny, dagli eremiti Ambrogio e Liupardo all’imperatrice Agnese e il re Enrico IV, per fare solo alcuni nomi.
I vari destinatari delle lettere manifestano la fitta rete di relazioni che Pier Damiani intratteneva mostrando un volto di santità non distaccato dalla storia, ma inserito – in un gesto incarnato – come presenza efficace nel mondo.

Le lettere sono di un grande valore storico per chi è interessato all’epoca e Pier Damiani ci offre uno squarciato unico e insostituibile. Ma in mezzo a queste lettere, per chi si interessa di teologia, troviamo l’interessantissima trattazione di Pier Damiani dell’onnipotenza divina. Destinatario della lettera è Desiderio, abate di Montecassino. Il testo presentato è un testo fondamentale e programmatico nella produzione del santo.
In questa breve presentazione giova guardare ad alcune affermazioni fondamentali del Damiani nella suddetta lettera:



«In Dio onnipotente, pertanto, non c’è né ieri né domani, bensì un perpetuo oggi; in lui che niente perde, niente acquista; che non subisce variazioni di sorta e che in nulla è diverso da se stesso. Quell’oggi è la sua eternità immutabile, indefettibile, inaccessibile; alla quale, cioè, nulla si può aggiungere, mentre, insieme, in nulla può essere diminuita; e tutto ciò che per noi scorre dileguandosi o varia col mutar dei tempi, in quell’oggi resta stabile e perdura immutabile. In quell’oggi, cioè, resta ancora immutabilmente presente quel giorno in cui questo mondo ebbe origine ed è già presente, parimenti, quel giorno in cui questo mondo stesso sarà giudicato dalla giustizia dell’eterno Giudice. Né in questa luce, che senza accrescimento illumina ciò che ha scelto di illuminare e senza diminuzione abbandona ciò che ha scelto di non illuminare, accade qualche difetto di mutabilità, perché, restando immutabile in se stessa, dispone tutte le cose mutevoli, e ha creato le cose in se stesse transeunti in modo tale che ciò che ha creato presso di sé non possa mai venir meno. Il tempo stesso, che scorre al di fuori di noi attraverso le cose esteriori, passa all’interno del suo sguardo. Avviene quindi che nella sua eternità permangono ferme tutte quelle cose che fuori di lui il susseguirsi dei secoli produce senza posa in continua evoluzione. Un sol giorno, pertanto, è per Dio la sua eternità; e come questo giorno non abbia né fine né inizio ben lo vede il salmista quando dice: Un sol giorno nei tuoi atri è meglio che mille altrove».

Robert Cheaib
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole



L'arte di riconoscere... 
seconda puntata di #ilnascondigliodellagioia su TV2000
📘📘 bit.ly/nascond 📙📙









Robert Cheaib
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole


Cosa rappresento nella vita di chi mi incontra? Una folla che nasconde Cristo? O un sicomoro che permette una visuale migliore per ascoltare la chiamata del Signore? E dove sta la differenza tra la folla e il sicomoro? La folla è opaca, si mette in mezzo tra le persone e Gesù. Posso essere quella folla non olo quando scandalizzo e non sono testimone con la vita ma anche quando oriento le persone a me oscurando Gesù. Quando, in altro parole, mi metto in mezzo tra le persone e Gesù. Sono sicomoro quando divento mezzo, quando mi rendo disponibile allo Spirito perché faccia di me uno strumento per elevare gli altri verso il Signore... È bello, meditando questo vangelo, sostare anche a ringraziare per chi per me è o è stato sicomoro.
#pregolaParola
(Lc 19,1-10)
Entrò nella città di Gerico e la stava attraversando, quand'ecco un uomo, di nome Zaccheo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là. Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!». Ma Zaccheo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto». Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch'egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell'uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».

Robert Cheaib
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole