La liturgia ci ha proposto due testi di annuncio di concepimento uno dopo l'altro seguendo la stessa sequenza del vangelo di Luca. Ma tra questi due testi ci sono grandi differenze  che vale la pena sottolineare almeno brevemente. Che una coppia sterile riceva la grazia della fecondità in tarda età, non è una novità all'esperienza del popolo di Dio. Il popolo giudaico stesso nasce da una promessa del genere rivolta ad Abram e Sarai. E di coppie di questo genere ce ne sono tante nell'Antico Testamento. L'annuncio a Maria è diverso. Maria riceve l'annuncio di concepire il suo Dio. Da qui la sua comprensibile esitazione e la sua incomprensione. Come accadrà questo? Dio scende. Dio opera. A Dio nulla è impossibile... Anche oggi Dio scende. Anche Dio opera. Anche oggi a Dio l'impossibile è possibile. Anche oggi il Verbo  cerca il nostro sì per diventare carne.

Lc 1,26-38

Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallégrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l'angelo si allontanò da lei.

Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: