Chi cerca il primo posto as ogni costo, lo fa perché non è a posto. Cerca invano un'affermazione esteriore ed estrinseca per la sua persona che non trova dentro di sé un valore proprio. Quando guardi una persona umile, percepisci un senso di pace perché trovi una persona che ha abbracciato la sua verità, la verità di una piccolezza amata all'infinito. Gli umili veri fanno pensare a Dio perché sono persone che si vedono sempre nella prospettiva del Signore e perché sono persone che vivono una prerogativa di Dio perché Dio è umile.

Lc 14,1.7-11

Un sabato si recò a casa di uno dei capi dei farisei per pranzare ed essi stavano a osservarlo. Diceva agli invitati una parabola, notando come sceglievano i primi posti: «Quando sei invitato a nozze da qualcuno, non metterti al primo posto, perché non ci sia un altro invitato più degno di te, e colui che ha invitato te e lui venga a dirti: «Cedigli il posto!». Allora dovrai con vergogna occupare l'ultimo posto. Invece, quando sei invitato, va' a metterti all'ultimo posto, perché quando viene colui che ti ha invitato ti dica: «Amico, vieni più avanti!». Allora ne avrai onore davanti a tutti i commensali. Perché chiunque si esalta sarà umiliato, e chi si umilia sarà esaltato».

Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: