Bisogna essere onesti: leggendo questo vangelo, non si capisce subito il nesso che Gesù fa tra l'ipocrisia e l'elemosina. Verrebbe da pensare che sarebbe stato meglio dire così: “caro fariseo, invece di badare solo all'esteriorità, sii più coerente e basa a tutto il tuo essere perché Colui che ha fatto l'esterno ha fatto anche l'interno” . Il Maestro, invece, va oltre. Facendo così, ci fa capire che la vera coerenza non nasce semplicemente dall'essere a posto, ma punta necessariamente al fare posto agli altri nella nostra esistenza. Paradossalmente, puro è chi non si lava le mani! Nel senso che non fa l'indifferente verso i suoi simili.

Lc 11,37-41

Mentre stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l'esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l'esterno non ha forse fatto anche l'interno? Date piuttosto in elemosina quello che c'è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: