Non si può essere amici e fratelli intimi di tutti. La vita ce lo insegna. Alcuni rapporti finiscono per sfinimento. Altri finiscono per distrazione. Altri perché la vita ci fa prendere vie distanti. Altri ancora finiscono de facto senza dichiarazioni ufficiali. Ad alcuni rapporti dobbiamo porre fine perché sono rapporti malsani o che iniziano a prendere pieghe sbagliate. Come intendere questo vangelo, se il vangelo è la magna charta del realismo? Semplificando, questo vangelo ci invita a provare le soluzioni a disposizione. A volte, anche a provarle tutte (dico “a volte” perché talvolta proviamo di ricucire un rapporto e non facciamo altro che allargare lo strappo). Dobbiamo pregare per avere discernimento per saper distinguere le situazioni… ma UNA COSA è certa: bando al rancore e all’odio. «Sia per te come il pagano e il pubblicano», infatti, non è una licenza di odiare! È l’invito a riconoscere la distanza, la remotezza dei cuori, gli strappi che si accumulano nella vita, ma anche a ricordare che il Signore ci ha invitato ad amare e a pregare per «i nemici». Oggi prega proprio per queste persone che ancora sono vive nella memoria e nel cuore, anche se lontane dagli occhi.
Mt 18,15-20
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano.
In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo.

In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: