In quel tempo, mentre andava via, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?».
Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».
Ef 4,1-7.11-13   Sal 18   Mt 9,9-13

«Seguimi», abbandona l’illusione di costruire il mosaico della tua vita arraffando pezzi di metallo fuso. Il senso di una vita non si trova accumulando, ma sprecandosi. Non lo si tiene in mano, ma lo si attraversa, lo si vive, lasciandosi prendere per mano. Fatti prendere e trascinare fuori dal girotondo del merito e del premio, perché la logica di Dio non è quella della ricompensa, ma della scommessa. Colui che ha scommesso sul nulla suscitando esistenza, scommette oggi su di me e su di te risuscitandoci come discepoli.

Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: