Giacobbe generò Giuseppe, lo sposo di Maria, dalla quale è nato Gesù, chiamato Cristo.
Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore.
2Sam 7,4-5.12-14.16   Sal 88   Rm 4,13.16-18.22   Mt 1,16.18-21.24

Il biblista Klaus Berger chiama questo vangelo «il vangelo della conversione di san Giuseppe». Di quale conversione si tratta? Non certo di una conversione dal peccato. Già Giuseppe mostra di essere giusto, di aver un cuore secondo Dio, perché fa prevalere la misericordia sulla giustizia decidendo di ripudiare Maria solo in segreto. Si tratta di una conversione che è una trasformazione che solo Dio può operare nella vita di un uomo. Trasformare la creatura in provvidente del Creatore; un uomo da salvare in custode del Salvatore; il «silenzio» in spazio per la vita umana della Parola… e come ogni passo della Bibbia, questa conversione è raccontata affinché la viviamo pure noi. Giuseppe, prega per noi.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: