Gesù e il giovane ricco

In quel tempo, un tale si avvicinò e gli disse: «Maestro, che cosa devo fare di buono per avere la vita eterna?». Gli rispose: «Perché mi interroghi su ciò che è buono? Buono è uno solo. Se vuoi entrare nella vita, osserva i comandamenti». Gli chiese: «Quali?».
Gesù rispose: «Non ucciderai, non commetterai adulterio, non ruberai, non testimonierai il falso, onora il padre e la madre e amerai il prossimo tuo come te stesso». Il giovane gli disse: «Tutte queste cose le ho osservate; che altro mi manca?». Gli disse Gesù: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; e vieni! Seguimi!».
Udita questa parola, il giovane se ne andò, triste; possedeva infatti molte ricchezze.

Gdc 2,11-19   Sal 105   Mt 19,16-22


È interessante l’etimologia di “conversione” sia in ebraico che in greco. In ebraico, “teshuva” implica un cambiamento di strada. In greco, “metanoia” comporta un cambiamento di mentalità. Sono proprio le cose che doveva fare l’uomo di tanta buona volontà del Vangelo di oggi. Non era uno scansafatiche, anzi, ma doveva imparare che la strada da percorrere non è quella del fare e del possesso, ma quella della sequela e del dono. Non gli mancavano i propositi, gli mancava la prospettiva. Per cogliere la Verità doveva capire che la stessa Vita si è fatta Via. Lo stesso Maestro Buono, nostro Dio, ci rivolge la chiamata: “Se vuoi essere perfetto, entra nella vita stessa di Dio. Solo Dio è perfetto e modello di perfezione. La vita di Dio è un trinitario dono reciproco d’amore. Per entrarci, seguimi: io sono la Porta. Cammina nella mia luce, sono la Vita”.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: