In quel tempo, Pietro, disse a Gesù: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?».
E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna».
Pr 2,1-9   Sal 33   Mt 19,27-29

Non è il lasciare l’importante, non siamo fatti per lasciare. Siamo fatti per avere tutto e tu sei il nostro Signore e il nostro Tutto. Ci hai creati per te. Lasciare significa riconoscere il valore di rimando e memento di ogni cosa creata. Ogni cosa è stata creata per parlare di Te. Ogni tu è una breccia aperta al Tu eterno. Rapisci il nostro cuore perché solo così sapremo dare il vero valore per ogni realtà creata. Sii il nostro vero Tutto perché tutto ha senso solo in Te. 
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: