In quel giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.
Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?».
Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».
E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?».
Gb 38,1.8-11   Sal 106   2Cor 5,14-17   Mc 4,35-41

Non è troppo rimproverare delle persone che ebbero paura al vedere le onde invadere la loro barca? Se guardiamo bene il vangelo di questa domenica, ci accorgiamo che il Signore non rimprovera tanto la paura, quanto la poca fede. E se rimprovera la paura, è solo perché esprime la poca fede. «Non t’importa che siamo perduti?». Che accusa triste. Eppure, non è così lontana dai miei sentimenti e ragionamenti quando la barca della mia vita è sballottata da venti contrari: la prima sicurezza a vacillare è quella del Tuo amore, del Tuo interessamento per me. L’interrogarsi dei discepoli, poi, evidenzia maggiormente l’esitazione della loro fede: «Chi è costui che anche il vento e il mare gli obbediscono?». Chi altro sei se non il Creature del vento e del mare, Colui che dice: «Fin qui giungerai e non oltre e qui s’infrangerà l’orgoglio delle tue onde» (prima lettura). Comanda ai venti contrari di tacere affinché posso sentire il Tuo Soffio leggero. Comanda al mare di calmarsi affinché la barca della mia vita giunga serena al porto del Tuo abbraccio eterno.
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: