[Dopo essere stato acclamato dalla folla, Gesù] entrò a Gerusalemme, nel tempio. E dopo aver guardato ogni cosa attorno, essendo ormai l’ora tarda, uscì con i Dodici verso Betània.
La mattina seguente, mentre uscivano da Betània, ebbe fame. Avendo visto da lontano un albero di fichi che aveva delle foglie, si avvicinò per vedere se per caso vi trovasse qualcosa ma, quando vi giunse vicino, non trovò altro che foglie. Non era infatti la stagione dei fichi. Rivolto all’albero, disse: «Nessuno mai più in eterno mangi i tuoi frutti!». E i suoi discepoli l’udirono.
Giunsero a Gerusalemme. Entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano e quelli che compravano nel tempio; rovesciò i tavoli dei cambiamonete e le sedie dei venditori di colombe e non permetteva che si trasportassero cose attraverso il tempio. E insegnava loro dicendo: «Non sta forse scritto:
“La mia casa sarà chiamata
casa di preghiera per tutte le nazioni”?
Voi invece ne avete fatto un covo di ladri».
Lo udirono i capi dei sacerdoti e gli scribi e cercavano il modo di farlo morire. Avevano infatti paura di lui, perché tutta la folla era stupita del suo insegnamento. Quando venne la sera, uscirono fuori dalla città.
La mattina seguente, passando, videro l’albero di fichi seccato fin dalle radici. Pietro si ricordò e gli disse: «Maestro, guarda: l’albero di fichi che hai maledetto è seccato». Rispose loro Gesù: «Abbiate fede in Dio! In verità io vi dico: se uno dicesse a questo monte: “Lèvati e gèttati nel mare”, senza dubitare in cuor suo, ma credendo che quanto dice avviene, ciò gli avverrà. Per questo vi dico: tutto quello che chiederete nella preghiera, abbiate fede di averlo ottenuto e vi accadrà. Quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate, perché anche il Padre vostro che è nei cieli perdoni a voi le vostre colpe».
Sir 44,1.9-13   Sal 149   Mc 11,11-25

Il vangelo di oggi contrasta con un diffuso cristianesimo da pasticcieria. L’evangelista ci mette dinanzi a due situazioni che rivelano un Gesù determinato, un Gesù che manifesta un volto coerente con l’essenza dell’amore: il volto della giustizia e della fermezza. L’amore molle, fatto di pacche sulla spalla, non e-duca, non tira fuori l’essenza migliore. Non merita neppure questo nome. L’amore sostanziale, senza essere pretenzioso, è “esigente”: vuole che l’altro sia, si realizzi, che esca dalle ombre e che inveri la propria realtà. Un albero da frutto decorato soltanto con le proprie foglie, tradisce la propria essenza. Similmente un tempio – ovvero una vita umana fatta per essere dimora di Dio – si snatura se abortisce invece di generare il Logos nella storia. Ma se ci sentiamo schiacciati dalla nostra mancanza di frutto, il vangelo ci ricorda che la preghiera può muovere le montagne, può togliere gli impedimenti di fecondità. Preghiamo affinché possiamo «portare tanto frutto e il nostro frutto rimanga». 
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: