In quel tempo, Gesù venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaìa; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto:
«Lo Spirito del Signore è sopra di me;
per questo mi ha consacrato con l’unzione
e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio,
a proclamare ai prigionieri la liberazione
e ai ciechi la vista;
a rimettere in libertà gli oppressi
e proclamare l’anno di grazia del Signore».
Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all’inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. Allora cominciò a dire loro: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato».
Is 61,1-3.6.8-9   Sal 88   Ap 1,5-8   Lc 4,16-21

Meditando questo vangelo mi sono venute in mente due figure: Aristotele e Jean Paul Sartre! Ognuno a suo modo ha avuto un’immagine di Dio ben distante da Te. Chi sa quale effetto avrebbe fatto loro vederti inchinato umilmente e sentire il tuo bacio al loro piede lavato con cura e amore? Avrebbe potuto dire Sartre: «Se Dio esiste, io non sono libero»? Direi di no! Ecco, infatti, Dio che si fa servo e fa il lavoro degli schiavi per liberare l’uomo. E che fine avrebbe fatto la definizione artistotelica di Dio come “motore immobile” dinanzi a Te, mio Signore, che come nardo ti sei versato ai nostri piedi? Dio non è immobile, Dio si commuove e si muove verso l’uomo per primo. Dio è amore, amore infinito e come tale si scioglie infinitamente per sciogliere e rimodellare i nostri cuori di pietra a immagine del cuore del Dio umano. Ti prego, lavami dal gelido dell’immobilità, immergimi nella commozione delle tue rahamim (viscere).
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: