In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore.
Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore.
Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».
At 4,8-12   Sal 117   1Gv 3,1-2   Gv 10,11-18

«Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me». Il criterio di discernimento della voce e dei tratti dell’Amato è l’epifania della bellezza. Dove Lui è, lì c’è vera bellezza.  La bellezza che traspare dal «Pastore Bello» [in greco è: ‘o poimèn ‘o kalòs] non è una bellezza estetica evanescente, ma è la bellezza dell’amabilità che dona se stessa nella verità e nella bontà. «Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo». Il Vangelo ci dice che la trasfigurazione dell’uomo nell’Amore non è solo una cosa bella, ma che è l’unico modo per com-prendere la Risurrezione: per essere capienti e capaci di risorgere!
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: