In quel tempo, Gesù [cominciò a dire nella sinagoga a Nàzaret:] «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidóne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Elisèo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».
All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.
2Re 5,1-15   Sal 41 e 42   Lc 4,24-30

La scontatezza svuota l’attesa e distoglie l’attenzione dall’epifania continua di Dio nella nostra vita. Per questo era difficile ai nazareni cogliere l’unicità di Gesù e accoglierlo. Ma Gesù rovescia le certezze di chi crede che Dio gli appartiene per eredità. Dio non si possiede per la semplice generazione, ma si accoglie attraverso la rigenerazione, lo sguardo rinnovato e fresco di chi si mette in ascolto e si lascia purificare dalla lebbra dell’insensibilità spirituale. Sta qui il segreto: nell’attenzione spirituale a Gesù che attraversa la nostra vita, divenuta suo “paese” da quando ho sposato la nostra natura umana.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: