Dunque, un paio di mesi fa, proprio a difesa della libertà di espressione mezzo mondo ha cambiato nome all’anagrafe: “je suis Charlie”. Charlie Brown, offeso, aveva assunto un atteggiamento da karate kid e si è fatto chiamare temporaneamente “Char-Lee”. Bruce, magnanime, non se l’è presa.
Mo sono state uccise in modo barbaro 21 persone che non hanno offeso nessuno. Erano lavoratori umili e silenziosi, come tanti di noi. Cercavano di guadagnarsi il pane senza l’intento di criticare o di disturbare nessuno. Anzi, facevano un servizio.
Sono morti non tanto per la libertà di espressione, ma per una cosa ancor più sottile: la libertà di coscienza. Sono morti, soltanto perché nel loro intimo credevano al Dio di Gesù Cristo.
Non può sussistere la libertà di pensiero senza la libertà di coscienza. L’attacco che stiamo guardando indifferenti è un attacco non a idee o ideologie, ma a tutto ciò che costituisce l’essenza della nostra umanità: la capacità di avere convinzioni intime e di vivere pacificamente di conseguenza. Non sono tentativi per spezzare penne, sono tentativi che stanno ormai sulle nostre coste per spezzare i nostri valori e le nostre vite.
Il cristianesimo non ne risente: «il sangue dei martiri è seme dei cristiani». D’altronde, il cristianesimo si è sempre diffuso con la spada: non in mano ai cristiani, ma sul collo dei martiri. È la logica della risurrezione.
Ma il nostro mondo, sì che ne risente. Tutte le battaglie per l’affermazione dell’umano sono adesso sul fil del rasoio. E non basta un clic per cambiarle. Non basta cambiare la foto di un profilo. È necessario cambiare mentalità: uscire dal nichilismo che ha annientato il senso delle nostre libertà e ha creato una voragine che la peste mortifera del terrorismo sta cercando di rimpiazzare.

Non basta agitarsi, bisogna discernere i tempi ed agire, prima che sia troppo tardi. L’umanità lo vuole… Deus lo vult.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: