La “domanda al volo” di oggi non mi viene da una singola persona, ma da diverse. Devo dire che sono sorpreso e non poco preoccupato per la potenza che esercitano i media su di noi. Da tutto quello che il Papa ha detto sulla famiglia in questo periodo, ad alcuni sono arrivate solo queste parole messe tra virgolette – con grande scorrettezza professionale – da Repubblica: «I cattolici non sono conigli, per la paternità responsabile l'ideale è fermarsi a tre figli». È scorretto semplicemente perché non sono state le parole del Papa. Tra virgolette si mettono solo le parole testuali. Scalfari deve saperlo… ma pare che Repubblica sia recidiva. Ad ogni modo, il Papa ha detto tutt’altro! E per questo, anche l’altro titolo del giornale «Papa Francesco rivede la frase sui “conigli”» è un’altra scorrettezza.
La cosa triste è che alcuni cattolici si sono messi a ricamare su questo titolo prendendo posizioni anti-papiste. Ora se vuoi essere antipapista mi va bene, ma cerca di esserlo a ragion veduta e non a partire da supposizioni e dicerie.
Parentesi: questa mia rubrica di #rispostalvolo non è orientata a questioni di papismo o di morale. Ci sono persone molto più preparate di me su questi argomenti e preferisco lasciar loro la parola. Io mi occupo di esperienza spirituale, di dogma cristiano e di alcune questioni di frontiera come ateismo, scienza, cultura… Però, dato che ho ricevuto diverse richieste, questa volta chiudiamo un occhio e facciamo un’eccezione.
Quindi, in questa risposta al volo. Vedremo:
1- quello che Papa Francesco ha detto realmente.  
2- l’insegnamento del Papa (che non è revisionismo).
Cosa ha detto Francesco?
Papa Francesco, nel viaggio di ritorno dalle Filippine ha risposta a varie domande. La decima domanda è stata posta da Christoph Schmidt:
«Santo Padre, […] secondo dei sondaggi, la maggioranza dei filippini pensa che la crescita enorme della popolazione filippina è una delle ragioni più importanti per la povertà enorme del Paese, e nella media una donna nelle filippine partorisce più di tre bambini nella sua vita, e la posizione cattolica nei riguardi della contraccezione sembra essere una delle poche questioni su cui un grande numero della gente nelle Filippine non stia d’accordo con la Chiesa. Che cosa ne pensa?»
Ecco la risposta di Francesco:
«Io credo il numero di 3 per famiglia che lei menziona, credo che è quello che dicono i tecnici: che è importante per mantenere la popolazione, no? 3 per coppia, no? Quando scende questo, accade l’altro estremo, che accade in Italia, dove ho sentito – non so se è vero – che nel 2024 non ci saranno i soldi per pagare i pensionati. Il calo della popolazione, no? Per questo la parola chiave per rispondere è quella che usa la Chiesa sempre, anche io: è paternità responsabile. Come si fa questo? Col dialogo. Ogni persona, col suo pastore, deve cercare come fare quella paternità responsabile. Quell’esempio che ho menzionato poco fa, di quella donna che aspettava l’ottavo e ne aveva sette nati col cesareo: ma questa è una irresponsabilità. “No, io confido in Dio”. “Ma guarda, Dio ti dà i mezzi, sii responsabile”. Alcuni credono che – scusatemi la parola, eh? – per essere buoni cattolici dobbiamo essere come conigli, no? No. Paternità responsabile. Questo è chiaro e per questo nella Chiesa ci sono i gruppi matrimoniali, ci sono gli esperti in questo, ci sono i pastori, e si cerca»
Il Papa ha infine invitato a guardare l’altra faccia della medaglia e a vedere anche «la generosità di quel papà e di quella mamma che vede in ogni figlio un tesoro».
*
Dunque. Evidenziatore in mano e partiamo. Per brevità evidenziamo 3 punti:

- Quando il Papa parla di 3 figli. Non dice “l’ideale è fermarsi a tre figli”. Questo lo dice Repubblica. Il Papa dice: Il minimo è tre figli per andare avanti come società. Altrimenti, tu, caro Narciso, turista a vita e volontariamente scapolo, rimarrai senza pensione e andrai di cassonetto in cassonetto a nutrire la solitudine di una vecchiaia che hai piantato sul sogno illusorio dell’eterna e plastica giovinezza… Per cui, in termini semplici: il Papa dice al giornalista: non sono le famiglie la fonte della povertà, ma il contrario. Senza figli, tutti saremo poveri e senza futuro!

- Poi il Papa è passato a parlare di paternità responsabile. Un binomio sacro per la Chiesa. Non se l’è inventato lui. Ne aveva parlato tanto Giovanni Paolo II e non aveva suscitato tutta questa costernazione! È evidente! I figli non solo vanno fatti, ma vanno custoditi. I figli, sì che sono dono di Dio, ma anche il cervello. Al figlio devi saper provvedere, non è un abete. E quando dico provvedere: dico anche regalargli un po’ di quell’attenzione che desidera. Ognuno nel proprio contesto sa valutare la sua situazione. Se con venti figli tu continui ad essere responsabile ben per te. Hai la benedizione apostolica. L’esempio che il Papa ha dato è di una donna che è diventata incubatrice a tempo pieno rischiando di lasciare otto orfani. Giovanni Paolo II – questo ti sta simpatico? – scrive nella Familiaris Consortio riguardo alla totalità del dono d’amore: «Questa totalità, richiesta dall'amore coniugale, corrisponde anche alle esigenze di una fecondità responsabile, la quale, volta come è a generare un essere umano, supera per sua natura l'ordine puramente biologico, ed investe un insieme di valori personali, per la cui armoniosa crescita è necessario il perdurante e concorde contributo di entrambi i genitori» (n. 11). Anche il Concilio sottolinea il binomio: apertura alla vita e responsabilità (cf. Gaudium et Spes 51).

- Francesco, da buon dialettico mostra ancora una terza faccia della medaglia: sottolinea comunque la generosità dei quei mamma e papà che non pensano solo alla tasca, ma al tesoro che sono i figli. Di questo aspetto parliamo nel secondo punto di questa risposta.
Risultato filtro sant’uffizio: 0 eresie. Grande umanità, teologia incarnata, comunicazione efficace…

Francesco ha fatto dietrofront?

A parte il fatto che nella risposta a braccio non c’era niente che richiedeva un dietrofront, le affermazioni del Papa durante l’udienza generale di mercoledì 21 gennaio 2015 sono in continuità perfetta con il suo insegnamento:
«Le famiglie sane sono essenziali alla vita della società. Dà consolazione e speranza vedere tante famiglie numerose che accolgono i figli come un vero dono di Dio. Loro sanno che ogni figlio è una benedizione. Ho sentito dire da alcuni che le famiglie con molti figli e la nascita di tanti bambini sono tra le cause della povertà. Mi pare un’opinione semplicistica. Posso dire, possiamo dire tutti, che la causa principale della povertà è un sistema economico che ha tolto la persona dal centro e vi ha posto il dio denaro; un sistema economico che esclude, esclude sempre: esclude i bambini, gli anziani, i giovani, senza lavoro … - e che crea la cultura dello scarto che viviamo. Ci siamo abituati a vedere persone scartate. Questo è il motivo principale della povertà, non le famiglie numerose».
Ricordo inoltre che un paio di giorni prima delle affermazioni dolosamente incriminate (perché mal riportate), Francesco, durante l’incontro con le famiglie al Mall of Asia Arena a Manila, si è lasciato andare con un discorso a braccio mostrando la sua grande sensibilità verso la famiglia. Cito un paio di paragrafi:
«A me piace molto il sogno in una famiglia. Tutte le mamme e tutti i papà hanno sognato il loro figlio per nove mesi. E’ vero o no? [Sì!] Sognare come sarà questo figlio… Non è possibile una famiglia senza il sogno. Quando in una famiglia si perde la capacità di sognare, i bambini non crescono e l’amore non cresce, la vita si affievolisce e si spegne. Per questo vi raccomando che la sera, quando fate l’esame di coscienza, ci sia anche questa domanda: oggi ho sognato il futuro dei miei figli?»
Francesco ha denunciato le nuove «colonizzazioni ideologiche» che cercano di distruggere la famiglia. Queste, secondo Bergoglio sono un incubo perché «non nascono dal sogno, dalla preghiera, dall’incontro con Dio, dalla missione che Dio ci dà, vengono da fuori e per questo dico che sono colonizzazioni. Non perdiamo la libertà della missione che Dio ci dà, la missione della famiglia».
Il Papa aveva pure ribadito: «Il futuro dell’umanità, come ha detto spesso san Giovanni Paolo II, passa attraverso la famiglia (cfr Familiaris consortio, 85). Il futuro passa attraverso la famiglia. Dunque, custodite le vostre famiglie! Proteggete le vostre famiglie! Vedete in esse il più grande tesoro della vostra nazione e nutritele sempre con la preghiera e la grazia dei Sacramenti».
E ha sottolineato l’importanza dell’apertura alla vita e del rispetto per la vita dicendo: «Siate santuari di rispetto per la vita, proclamando la sacralità di ogni vita umana dal concepimento fino alla morte naturale. Che grande dono sarebbe per la società se ogni famiglia cristiana vivesse pienamente la sua nobile vocazione!».
Ricordo che qualche settimana fa il papa ha incontrato le famiglie numerose. In quell’incontro dal calore familiare il Papa ha detto parole memorabili:
«Siete venuti con i frutti più belli del vostro amore. Maternità e paternità sono dono di Dio, ma accogliere il dono, stupirsi della sua bellezza e farlo splendere nella società, questo è il vostro compito».
E parlando dei figli ha detto:
«Ognuno dei vostri figli è una creatura unica che non si ripeterà mai più nella storia dell’umanità. Quando si capisce questo, ossia che ciascuno è stato voluto da Dio, si resta stupiti di quale grande miracolo sia un figlio! Un figlio cambia la vita! Tutti noi abbiamo visto – uomini, donne – che quando arriva un figlio la vita cambia, è un’altra cosa. Un figlio è un miracolo che cambia una vita».

Last but not least, anche il messaggio della prossima Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali aveva come punto di riferimento la famiglia. Il Papa afferma nel messaggio: «La famiglia è il primo luogo dove impariamo a comunicare».



Photo: http://www.parrocchiabovolone.it/
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: