Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. Subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Eb 1,1-6   Sal 96   Mc 1,14-20


Cosa girava per la mente degli apostoli prima della chiamata di Gesù? Quali erano i loro sentimenti riguardo alla loro vita? Non ci è detto nel vangelo. Possiamo supporre, però, dei cuori giovani con grandi aspirazioni, con il desiderio di un di più a cui non sapevano dare né un volto né una svolta. Una chiave ci viene data dalla parola detta da Gesù: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». Le parole del Maestro costituiscono più che un comando, una rivelazione della grandezza indecifrata che, fino ad allora, ardeva nel loro cuore. Lasciano tutto subito, non per uno scatto di incoscienza, ma perché la parola di Gesù permette loro una vera presa di coscienza. Con questo vangelo la Chiesa ci fa riprendere con straordinario tenore il cammino del tempo ordinario. È questo lo stile del vivere cristiano: una straordinaria ordinarietà.
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: