Questa breve riflessione – #rispostalvolo – è sulla tanto ripresa espressione di papa Francesco dall'udienza generale di mercoledì 2 gennaio 2019: «C’è gente che è capace di tessere preghiere atee, senza Dio e lo fanno per essere ammirati dagli uomini. E quante volte noi vediamo lo scandalo di quelle persone che vanno in chiesa e stanno lì tutta la giornata o vanno tutti i giorni e poi vivono odiando gli altri o parlando male della gente. Questo è uno scandalo! Meglio non andare in chiesa: vivi così, come fossi ateo».
Il riassunto giornalistico di questa frase è stato: meglio atei che ipocriti. E la lezione che ha ricevuto tanti cuoricini sui social è questa: «basta essere persone oneste perché è ciò che importa. Non è necessario andare in Chiesa. Non è necessario pregare»… insomma, un appiattimento orizzontale della fede e un fraintendimento delle intenzioni del papa.
Per evitare di abbracciare «la lettera che uccide», cerchiamo di andare più a fondo della questione.
Parto da una «denuncia»: si vede che non si studia più la retorica. Lo si vede – e lo dico in generale – innanzitutto per la connotazione negativa che si dà alla parola.
Lo si vede per i discorsi noiosi dei politici e degli uomini della religione di cui tante omelie non conciliano tanto con Dio quanto il sonno!
La retorica non è l’arte di abusare delle parole, ma è l’arte di usare bene le parole. Il retore non solo evoca, ma provoca. Per questo le sue parole non solo informano, ma formano e trasformano.
La retorica non è una cosa negativa. Non è necessariamente sofistica, ovvero abuso dell’argomentazione per fini di inganno.


Un ulteriore approfondimento in questo video di ieri suTV2000

Gesù stesso era un grande retore. Basti pensare a quanto alcune sue espressioni lasciano interdetti se le si prende alla lettera. «Se uno viene a me e non odia suo padre, sua madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo» (Lc 14,26). Ma cosa fa Gesù? Invita ad amare i nemici e a odiare i parenti? Certamente no. Gesù provoca con un’espressione forte, per riordinare l’amore nel cuore di chi lo ascolta. Chi non capisce i principi della retorica fraintende il Signore.

Vuoi conoscere altre risposte al volo in video? clicca qui: bit.ly/rispostalvolo
Torniamo allora alle parole del papa: ci sta forse dicendo che basti essere “buoni”? ci sta dicendo che non è necessario pregare e che è sufficiente essere onesti? No e mille volte no. Il papa sta proseguendo la serie di catechesi sul padre nostro. Sta evocando l’insegnamento di Gesù sulla preghiera. Sta invitando alla preghiera. E nell’invito alla preghiera, sta spiegando cosa non è preghiera. Cosa non bisogna fare quando si prega. Nella fattispecie dell’udienza del 2 gennaio 2019, il papa parla di due modi errati di pregare: le preghiere atee e le preghiere pagane. Sono due forme che pervertono la preghiera. La prima perché non bada alla persona che prega. La seconda perché fraintende Colui a cui si rivolge la preghiera.
scopri la rubrica scritta #rispostalvolo
In breve, con una provocazione retorica, il papa ci sta paradossalmente invitando a pregare di più pregando meglio. E sì, non è un invito a non pregare o a pregare poco. È vero: «È meglio essere atei che ipocriti». È vero, ma non è tutta la verità. C’è un seguito da aggiungere: «La cosa migliore è essere credenti coerenti». Credenti che scelgono «la parte migliore» (cf. Lc 10,42).
Impariamo a pregare bene, facendo verità. Fare verità è uno dei fondamenti della preghiera (puoi vedere questo breve video sul tema). Fare verità significa essere realmente se stessi davanti al Signore e riconoscere chi veramente il Signore è: mio Padre. Preghiamo con Agostino: «Deus semper idem, noverim me, noverim te» (O Dio che sei sempre lo stesso, che io conosca me, che io conosca te).


Cosa ne pensi tu? lascia il tuo commento su www.fb.com/robert.cheaib



Robert Cheaib
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole

Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: