Cristo piange e dai suoi occhi prendono carne i sentimenti di Dio. Sant'Ireneo dice che il Figlio è ciò che visibile del Padre invisibile. In Cristo, specie in questo passo, vediamo quanto Dio vorrebbe che l'uomo non si precludesse labsalvezza e la comunione con il Signore. Il passivo che leggiamo nel passo - «è stato nascosto ai tuoi occhi [quello che porta alla pace]» - non deve illuderci che Gerusalemme stia subendo la lontananza come opera fatta da altri o dal Signore. Il passivo è una forma antica per esprimere una sentenza che Dio sa e predice nei profeti come un ammonimento. Non è Dio che nasconde a Gerusalemme le vie della salvezza e le parole accorate e commosse di Gesù sono la migliore prova che il Signore «non vuole la morte del peccatore, ma che si converta e viva». Soffermiamoci davanti alle lacrime di Dio, lasciamo che ammorbidiscano i nostri cuori e che fecondino le nostre intenzioni per produrre conversione.
#pregolaParola
(Lc 19,41-44)
Quando fu vicino, alla vista della città pianse su di essa dicendo: «Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi. Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».

Robert Cheaib
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole

Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: