Non per dare addosso alla povera Marta, senza la quale a casa Betania non si sarebbe mangiato, ma possiamo guardare in lei un paradigma molto simile alle nostre vite oggi. La vita del multitasking che fatica a stare dietro a migliaia di impegni. I ricercatori mostrano gli effetti deleteri del multitasking sulla nostra attenzione e sul nostro temperamento (e il discorso, a quanto pare, vale per gli uomini e per le donne). E in uno stato di frenesia così, diventa difficile alzare gli occhi al cielo e quando li alziamo, lo facciamo per chiedere o per lamentarci. Siamo fatti per essere presenti in quello che facciamo, con uno spirito contemplativo che deve accompagnare ogni impresa perché è brutto passare la vita a fare senza esserci. Marta adesso contempla il volto del Signore. Inteceda per noi per questa intenzione.
#pregolaParola
(Lc 10,38-42)
Mentre erano in cammino, entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: «Signore, non t'importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti». Ma il Signore le rispose: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c'è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta».
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: