Racconta Raoul Follerau un suo sogno così: “Ho sognato. Un uomo si era presentato al giudizio del Signore. Vedi mio Dio – diceva – io ho osservato la tua legge, non ho fatto nulla di disonesto, di cattivo, di empio. Signore, veramente io ho le mani pulite. Senza dubbio – replica Dio – le tue mani sono pure, ma sono anche vuote”. Penso che questo sogno di Follerau spieghi le parole misteriose di Gesù. A prima vista, infatti, uno potrebbe chiedersi: ma che rapporto c'è tra pulizia del cuore ed elemosina? Il cuore puro è molto più di un cuore senza peccato. Il cuore puro gradito a Dio è il cuore capace di amare perché non siamo stati chiamati ad essere l'argenteria della dote he non si usa mai, ma di essere gli strumenti quotidiani dell'amore di Dio.
#pregolaParola
(Lc 11,37-41)
Mentre stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. Allora il Signore gli disse: «Voi farisei pulite l'esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l'esterno non ha forse fatto anche l'interno? Date piuttosto in elemosina quello che c'è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: