Quando il Signore opera in una persona, c'è un di più che è inspiegabile con i soli criteri e calcoli umani. Il motivo è semplice: la vita spirituale non è semplicemente opera dell'uomo, ma opera di Dio che invita l'uomo ad essere suo partner. Per cui c'è un di più non da poco: il di più di Dio stesso! Se questo vale per ognuno di noi quando si apre alla grazia del Signore, quanto più vale per Gesù, il Signore. E se i concittadini di Gesù non arrivano a decifrare la presenza e l'opera del Signore in lui, quanto più rischiamo noi di non riconoscere i profeti che ci sono accanto. Che il Signore ci dia occhi per vedere e cuori per accogliere i profeti delle nostre patrie.
#pregolaParola
(Mt 13,54-58)
Venuto nella sua patria, insegnava nella loro sinagoga e la gente rimaneva stupita e diceva: «Da dove gli vengono questa sapienza e i prodigi? Non è costui il figlio del falegname? E sua madre, non si chiama Maria? E i suoi fratelli, Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda? E le sue sorelle, non stanno tutte da noi? Da dove gli vengono allora tutte queste cose?». Ed era per loro motivo di scandalo. Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria e in casa sua». E lì, a causa della loro incredulità, non fece molti prodigi.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: