#selah
Non perdiamo di vista Gesù per non costruire un cristianesimo irredento, per non rimanere nella tomba della logica del mondo.
#inascolto
(Mt 20,20-28)
Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedeo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di' che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato». Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dóminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell'uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».
#pregolaParola
È simpatica e fa quasi tenerezza quella madre che vuole sistemare i suoi figli. Somiglia molto alla disputa che sia I n passato sia oggi infervora tra quale stato di vita è più importante, lo stato di vita consacrato, lo stato di vita laicale o quello sacerdotale. La questione non è di oggi, ma percorre diversi secoli. Questo vangelo ci dovrebbe far vergognare di porre tali quesiti. Perché? Perché ci mette davanti a Gesù che non cerca i primi posti, un Gesù proteso a dare la sua vita non a ricevere onori, un Gesù venuto a servire e a insegnare e non a ricevere insegne. Non perdiamo di vista Gesù per non costruire un cristianesimo irredento, per non rimanere nella tomba della logica del mondo.

Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: