Leggendo questo vangelo, ho meditato spesso sul valore dell'infanzia, raramente sull'atteggiamento di Gesù verso i bambini. Il secondo tema mi sembra particolarmente attuale, pensando soprattutto ai temi del valore di una vita, dell'aborto e questioni affini. Samuel Johnson disse: «La vera misura di un uomo la si vede da come questo tratta una persona dal quale non potrà ottenere nulla in cambio». Dei bambini che non possono ancora esprimere e difendere il loro parere e il proprio diritto ad esistere si discute come se fossero temi astratti. Per Gesù, nessuno è astratto. Gesù prende in braccia, accarezza e benedice chi non è forza di lavoro, chi non è utile. Per lui, il valore di queste vite “marginali” per la sua epoca è un valore assoluto e centrale perché è radicato nell'amore di Dio per ogni persona creata a sua immagine e sua somiglianza. Anzi, dato che i bambini non possono arrogare meriti e pretese, sono dei privilegiati perché non hanno quell'inganno dell'adulto, inganno fonte di grande infelicità, e che recita: tu vali la tua utilità. La carezza ai bambini di Gesù dice altro: tu vali l'eternità.

(Mc 10,13-16)
Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s'indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: