Vuoi capire cos'è l'amore sano e vero? Guarda a Cristo che parla del Padre. Gesù parla allo stesso tempo dell'intima unione col Padre, fino ad arrivare a dire che sono una cosa sola, ma non ne parla mai in termini di fusione o confusione identitaria. Tanto che Sant'Agostino puntualizza che si parla di unum e non di unus. Quindi il Padre e il Figlio sono uno nella natura ma allo stesso tempo persone uniche e irriducibile ed è proprio questa loro unicità, custodita reciprocamente, ad costituire lo spazio del loro amore persona, dello Spirito Santo, nel quale siamo chiamati a vivere e a respirare. La Trinità non è un teorema, è l'essenza più profonda dell'amore e noi, contemplando le parole del Figlio, siamo ammaestrati in questa arte dell'amore. Quello che ci resta è permettere a questa vita di diventare vita nostra. Com'è possibile? Facendo spazio allo Spirito che rende possibile l'effusione dell'amore di Dio nel nostro cuore, nella nostra vita.
(Gv 14,6-14)
Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: «Mostraci il Padre»? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch'egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: