(Gv 6,30-35)
Un teologo del secolo scorso osserva che Dio non avrebbe creato se non fosse capace di incarnarsi. Naturalmente, l'affermazione è fatta, non per sottolineare che per Dio l'incarnazione è possibile - tutto è possibile a Dio -, ma per sottolineare che ogni gesto è ogni dono di Dio sono finalizzati alla sua autodonazione. In questo senso possiamo capire le parole di Gesù in questo vangelo: «Non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo». In tutti i suoi doni, Dio vuole donarti se stesso. Guarda questi doni e incrocia gli occhi del Donatore.
#pregolaParola
*
Allora gli dissero: «Quale segno tu compi perché vediamo e ti crediamo? Quale opera fai? I nostri padri hanno mangiato la manna nel deserto, come sta scritto: Diede loro da mangiare un pane dal cielo». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: non è Mosè che vi ha dato il pane dal cielo, ma è il Padre mio che vi dà il pane dal cielo, quello vero. Infatti il pane di Dio è colui che discende dal cielo e dà la vita al mondo». Allora gli dissero: «Signore, dacci sempre questo pane». Gesù rispose loro: «Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai!
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: