Ci viene così naturale arrabbiarci interiormente verso chi ci fa male. Sembra naturale sentire odio... E mettere in atto strategie di odio. Ma tutto ciò naturale non è, anzi, è dannoso per la nostra natura. L'ira, la rabbia e l'odio non fanno altro che avvelenarci, spegnerci dentro e fuori, risucchiare la nostra attenzione e le nostre risorse migliori. L'odio, a ben vedere, agisce contro la nostra natura. E Gesù viene a rivelarci il perché. Viene a dirci che siamo fatti per amare, per avere il coraggio di perdonare. Scopriamo così che i primi ad avere i benefici del perdono siamo noi. Sembra assurdo, finché uno non lo sperimenta concretamente e ne scopre la stupefacente concretezza. È difficile? Tantissimo! Per questo siamo chiamati a rivolgerci al Padre, modello del perdono, fonte dell'amore.
Mt 5,43-48

Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico. Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; egli fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. Infatti, se amate quelli che vi amano, quale ricompensa ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Voi, dunque, siate perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: