Come intendere questo passo del vangelo che ci viene proposto verso l'inizio della Quaresima? Siamo quelli che hanno lo Sposo in mezzo a loro? O quelli che digiunano perché lo Sposo è stato tolto loro? Non dobbiamo pensare a un aut-aut: lo Sposo è in mezzo a noi e con noi fino alla fine dei secoli, ma allo stesso tempo è “assente”, è celato ai nostri sensi, e siamo in attesa della sua manifestazione nella gloria. Con il digiuno, con la fame e la sete, diciamo carnalmente quanto ci manca l'Amato. E così questo vangelo viene a ricordarci che il digiuno essenzialmente non è tanto un'opera ascetica, quanto un fremito nuziale, è l'attesa dell'anima Sposa che sa che il vero nutrimento della sua vita è lo Sposo.
Mt 9,14-15
Allora gli si avvicinarono i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: