Colui che viene a donarci il battesimo nello Spirito, il battesimo nuziale dell'unione con Dio, accetta di ricevere il battesimo per il perdono dei peccati. Aveva peccati propri? No! Ma non potendo noi elevarci con le nostre forze verso di Lui, è sceso nella nostra povertà per portarci. Il battesimo di Gesù è paragonato da alcuni Padri della Chiesa come il fidanzamento di Cristo sposo con la Chiesa sposa. È il sì di Gesù a me e a te. Rinnoviamo il nostro sì a Lui.

Mc 1,7-11

E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo». Ed ecco, in quei giorni, Gesù venne da Nàzaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni. E subito, uscendo dall'acqua, vide squarciarsi i cieli e lo Spirito discendere verso di lui come una colomba. E venne una voce dal cielo: «Tu sei il Figlio mio, l'amato: in te ho posto il mio compiacimento».
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Posta un commento: