Quando una amicizia ha il valore aggiunto della fede condivisa, diventa più profonda, più bella. Senti una intimità  che non sapevi che mancasse alle altre amicizie finché non l'hai toccata con le mani qui. La forza dell'amicizia viene dalla bellezza del traguardo comune. La fede, intesa come amore sincero per Dio e come sincero impegno a vivere secondo la sua volontà, crea una familiarità unica, crea famiglia. Anzi, ci inserisce nella famiglia di Gesù come «fratello, sorella e madre», tra di noi e per lui.

Mc 3,31-35
Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: «Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre».
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: