La prima cosa che probabilmente salta all'occhio in questo vangelo è il verdetto sulla distruzione di Gerusalemme. Trascuriamo così un dettaglio di una importanza stratosferica: Gesù che piange. Non piange su se stesso o sul suo imminente destino. Piange su Gerusalemme, sull'amata umanità. Rimpiange il fatto che non ha riconosciuto la sua elezione e la sua benedizione. Bisogna riconoscere un nesso tra questo non riconoscimento e la distruzione. Non un nesso causale, come se il Signore portasse la distruzione. Ma nel senso che il non riconoscere la propria preziosità e la propria predilezione è portatore di smarrimento e di distruzione. Quante volte nelle nostre giornate e scelte siamo come Gerusalemme!

Lc 19,41-44

Quando fu vicino, alla vista della città pianse su di essa dicendo: «Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi. Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».

Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: