Santa Teresa di Gesù Bambino era affascinata di un versetto del libro dei proverbi che recitava così in una vecchia traduzione: «Chi è molto piccolo venga a me» (9,4). La mentalità competitiva e commerciale ci rende difficile immaginare una logica del genere. Soltanto la logica dell’amore, quella che vivono i veri padri e le vere madri ci fa vedere da lontano come questo possa essere simile. Per cuori del genere, un figlio fragile, ferito, perduto strappa dal cuore un carico maggiore di amore e di dedizione. È la logica dell’amore che sa che accettando di perdere (e di perdersi) si salva il perduto. E, quasi per una formula algebrica, meno per meno fa più, mostra la sovrabbondanza della grazia.
Mt 9,9-13
In quel tempo, Gesù, vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?».

Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: