Nella storia della femme fatale inventata dai sadducei, il fulcro non è il matrimonio, ma la vita eterna. La visione di Gesù al riguardo, infatti, era più vicina a quella dei farisei. I sadducei, oggi, sarebbero assimilabili a persone a cui piace il cristianesimo come filosofia di vita, di questa vita, soltanto. Sarebbero forse raffinati teologi dell’al di qua. Gesù mostra che la visione di fede non può ridursi all’al di qua e che l’al di là non è una replica del déjà vu su questa terra. Come cristiani di un’epoca secolare dobbiamo sempre ricordarci di questo “oltre” che la nostra fede comporta. Il cristianesimo umanizza, sì, ma divinizza anche. Essere cristiani è riconoscere che – in definitiva – solo alla luce di questo “oltre”, le nostre vite, i nostri matrimoni, i nostri lutti e le nostre gioie ricevono superna luce e pieno significato.
Mc 12,18-27
In quel tempo, vennero da Gesù alcuni sadducei – i quali dicono che non c’è risurrezione – e lo interrogavano dicendo: «Maestro, Mosè ci ha lasciato scritto che, se muore il fratello di qualcuno e lascia la moglie senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello. C’erano sette fratelli: il primo prese moglie, morì e non lasciò discendenza. Allora la prese il secondo e morì senza lasciare discendenza; e il terzo egualmente, e nessuno dei sette lasciò discendenza. Alla fine, dopo tutti, morì anche la donna. Alla risurrezione, quando risorgeranno, di quale di loro sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie».

Rispose loro Gesù: «Non è forse per questo che siete in errore, perché non conoscete le Scritture né la potenza di Dio? Quando risorgeranno dai morti, infatti, non prenderanno né moglie né marito, ma saranno come angeli nei cieli. Riguardo al fatto che i morti risorgono, non avete letto nel libro di Mosè, nel racconto del roveto, come Dio gli parlò dicendo: “Io sono il Dio di Abramo, il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe”? Non è Dio dei morti, ma dei viventi! Voi siete in grave errore».
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: