Come possono tre essere uno? Premesso che sarà sempre un mistero irreducibile ai nostri ragionamenti, possiamo intuire qualcosa della Tri-unità riflettendo sull'amore e sulla sua prerogativa di far vivere gli amanti non per sé ma per l'altro. «Je suis ton autre» recita una canzone francese. “Sono il tuo altro”. Una frase che dice distinzione nell'identificazione. La specificità di ognuno è esattamente il suo modo specifico di riferirsi all'altro... Questo vangelo non si commenta, questo vangelo si contempla.
Gv 16, 12-15     
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso.
Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future.
Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: