Viaggiando spesso, mi è venuto spontaneo calare questo vangelo in una scena che vedo sovente al boarding in aeroporto: le persone che si mettono in fila,  a volte anche un'ora prima, per meritarsi un posto per il loro bagaglio a bordo. In circostanze così, la cortesia si fa benedire. Tutti sono competitors e potenziali avversari. Nel rapporto con Dio - e le parole di Gesù non valgono solo per la vita futura, ma anche per questa vita - ognuno ha il suo posto. E come i genitori onesti riconoscono che non amano tutti i loro figli allo stesso modo, ma ognuno in modo unico, così ognuno di noi è amato nella sua particolarità e ha il suo posto nel cuore del Padre. Approfondire questa coscienza è già un inizio di evangelizzazione del profondo.
Gv 14, 1-12  
   
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non sia turbato il vostro cuore. Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me. Nella casa del Padre mio vi sono molte dimore. Se no, vi avrei mai detto: “Vado a prepararvi un posto”? Quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, verrò di nuovo e vi prenderò con me, perché dove sono io siate anche voi. E del luogo dove io vado, conoscete la via».  
Gli disse Tommaso: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo conoscere la via?». Gli disse Gesù: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto».  
Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: “Mostraci il Padre”? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere.  
Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse.  
In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch'egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre».  

Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: