In quel tempo, i Giudei raccolsero delle pietre per lapidare Gesù. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?». Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio».
Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: “Io ho detto: voi siete dèi”? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata –, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: “Tu bestemmi”, perché ho detto: “Sono Figlio di Dio”? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre». Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.
Ritornò quindi nuovamente al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui rimase. Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha compiuto nessun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero». E in quel luogo molti credettero in lui.
Ger 20,10-13   Sal 17   Gv 10,31-42
Mi stavo chiedendo quale fosse l’intento della Chiesa che nelle liturgie di questi giorni precedenti alla settimana santa ci pone dinanzi una serie di vangeli in cui Gesù dibatte con i giudei sulla propria identità. Uno dei motivi è sicuramente ripercorrere l’escalation che porta all’arresto, la condanna e l’esecuzione di Gesù. Ma c’è un altro motivo, molto più importante e molto più pertinente per noi. Questi vangeli ribadiscono in tutti i modi la divinità di Gesù, sia nelle affermazioni di Gesù, sia – indirettamente – nelle critiche scandalizzate dei suoi avversari… Ci viene ricordata ripetutamente la divinità di Gesù affinché quando lo vedremo come agnello senza bellezza condotto al macello senza aprire bocca, lo confessiamo comunque quale Bel Pastore, Parola del Padre, nostro Signore e nostro Dio.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: