In quel tempo, Gesù apparve agli Undici e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.
Mc 16, 15-20
Confesso che quando leggo questo vangelo e in particolare dei segni che accompagnano chi annuncia il vangelo, mi viene un senso di inadeguatezza e di disfatta. Pregando questa parola oggi, ho avuto una piccola intuizione che spero sia utile anche a voi. Mi sono chiesto: quali segni direbbe Gesù oggi per il mio annuncio cristiano? Sono segni più umili di quelli annunciati in questo vangelo, ma spero non meno efficaci e graziosi. «Questi sono i segni che ti accompagnano: l'ascolto, la gioia, l'amicizia, l'intelligenza della fede e l'intima comunione con Cristo nel quotidiano» . Pregando questa parola, ascolta i segni che devono accompagnare te.
Vuoi seguirci sul tuo smartphone? Puoi ricevere ricevere tutti gli articoli sul canale briciole
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: