In quei giorni, per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.
Ml 3,1-4.23-24   Sal 24   Lc 1,57-66

C’è attesa e attesa. C’è l’attesa che logora e snerva e c’è l’attesa che edifica, educa e rende più lungimiranti. Alle soglie del Natale meditiamo la nascita di Giovanni e scopriamo un sacerdote anziano che nel silenzio impara ad ascoltare, impara di nuovo la sequela. Scopriamo una coppia che ha saputo comunicare al di là delle parole. Poi si sa: quando nasce un bambino, quando si intravedono i frutti dell’attesa e della pazienza, ci si dimentica di tutto il patire. Tutti noi attendiamo la nascita, non di Giovanni, ma di Dio stesso nelle viscere della nostra vita… ne vale la pena.

Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: