Chi è un direttore spirituale? Per Henri Nouwen è una persona che «parla con te e prega con te in merito alla tua vita». Nouwen preferiva parlare di «amicizia spirituale» e di «amico dell’anima». Pur avendo scritto un articolo dal titolo La direzione spirituale, il pensiero di Nouwen sul tema è stato più esplicitato nella sua vita che nel suo pensiero. Nondimeno, i curati della sua trilogia postuma hanno raccolto diversi scritti suoi riguardo al tema della direzione spirituale con il titolo: La direzione spirituale. Sapienza per il lungo cammino della fede, Queriniana, Brescia 20164.
Nel presentare il volume, i curatori riassumono la visione di Nouwen riguardo al tema così: la direzione spirituale è «una relazione intrapresa da qualcuno che è spiritualmente in ricerca e trova una persona di fede matura, disposta a pregare e a rispondere con saggezza e comprensione alle sue domande su come vivere spiritualmente in un mondo di ambiguità e di distrazione».
La direzione spirituale è lo spazio di condivisione del vissuto più intimo con Dio che trasforma la comunicazione umana in uno spazio sacro. Essa «appone un ‘indirizzo’ sulla casa della vostra vita, affinché Dio possa ‘indirizzarsi’ a voi in preghiera. Quando ciò accade la vostra vita comincia a trasformarsi in un modo che non avreste immaginato o pianificato, perché Dio opera in maniere meravigliose e sorprendenti».
Il compito della direzione spirituale passa per tre discipline: la disciplina del cuore; la disciplina del “Libro” e la disciplina della chiesa o della comunità della fede.


Riguardo alla disciplina del cuore essa si basa sulla contemplazione e la preghiera attraverso la quale iniziamo a vedere Dio nel nostro cuore. «È la nostra attenzione al Dio in noi che ci consente di vedere sempre meglio Dio nel mondo intorno a noi». La domanda sula vita di preghiera è una domanda sullo spazio che lasciamo a Dio nella nostra esistenza.
Riguardo allo sguardo su Dio nel Libro, si intende l’incontro con Dio nelle Sacre Scritture e nella letteratura spirituale. La parola di Dio è alla base della direzione spirituale. La Scrittura ha una parola per ognuno e la direzione spirituale permette di discernere questa parola.
Riguardo all’ultimo elemento, la comunità, Nouwen sottolinea che la vita spirituale non può essere vissuta in solitaria e che la vita spirituale in mezzo al popolo di Dio testimonia della presenza di attiva di Dio nella storia. «L’incontro con un direttore spirituale consente un’esperienza interpersonale della comunità cristiana e dà la possibilità di colloqui centrati sul modo in cui la nostra vita individuale fa parte della grande storia del popolo di Dio».
*
Consulta le altre due presentazioni della trilogia di Nouwen:

Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: