La prima domenica di Avvento ci parla del vegliare. C'è un vegliare ansioso, un vegliare disorientato, un vegliare distratto e... poi... c'è un vegliare di attesa amorosa come la veglia di una "donna in attesa" che attende la nascita di un figlio o una figlia... è l'attesa che arrivi un amico amato che non si vede da tanto... è l'attesa della salvezza.

Se il video non è visibile nella newsletter CLICCA QUI.
...
La preghiera finale menzionata alla fine della registrazione è questa:

Vieni di notte,
ma nel nostro cuore è sempre notte:
e, dunque, vieni sempre, Signore.
Vieni in silenzio,
noi non sappiamo più cosa dirci:
e, dunque, vieni sempre, Signore.
Vieni in solitudine,
ma ognuno di noi è sempre più solo:
e, dunque, vieni sempre, Signore.

Vieni a liberarci,
noi siamo sempre più schiavi:
e, dunque, vieni sempre, Signore.

Vieni a cercarci,
noi siamo sempre più perduti:
e, dunque, vieni sempre, Signore,
Vieni, Tu che ci ami:
nessuno è in comunione col fratello
se prima non è con Te, o Signore.
Noi siamo lontani, smarriti,
né sappiamo chi siamo, cosa vogliamo:
vieni, Signore,

vieni sempre, Signore (D.M. Turoldo).
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: