In quel tempo, diceva Gesù: «A che cosa è simile il regno di Dio, e a che cosa lo posso paragonare? È simile a un granello di senape, che un uomo prese e gettò nel suo giardino; crebbe, divenne un albero e gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i suoi rami».
E disse ancora: «A che cosa posso paragonare il regno di Dio? È simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».
Ef 5,21-33   Sal 127   Lc 13,18-21

Ogni persona è immagine della Trinità attraverso tre operazioni fondamentali: l'autocoscienza, la conoscenza di sé e l'amore per se stessa. In questi tre processi si versa il lievito della Trinità. Il Padre come custode dell'identità filiale, il Figlio fattosi carne nel mostrarci il mestiere di essere realmente umani, e lo Spirito come amore del nostro amore... E noi, proprio noi, diventiamo presenza reale del Regno di Dio.

Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: