In quel tempo, Gesù disse alla folla:
«Nessuno accende una lampada e la copre con un vaso o la mette sotto un letto, ma la pone su un candelabro, perché chi entra veda la luce.
Non c’è nulla di segreto che non sia manifestato, nulla di nascosto che non sia conosciuto e venga in piena luce.
Fate attenzione dunque a come ascoltate; perché a chi ha, sarà dato, ma a chi non ha, sarà tolto anche ciò che crede di avere».

Pr 3,27-34   Sal 14   Lc 8,16-18


C’è un tipo sottile di falsa umiltà che annega i doni ricevuti nell’improduttività. Il vero umile, però, è chi riconosce che quello che ha è un dono gratuito. L’umile è colui che riconosce di aver ricevuto «una manifestazione particolare dello Spirito per il bene comune» (1Cor 12,7) e con riconoscenza corrisponde al dono donandosi. Sono questi umili che cambiano la storia, non con i proclami altisonanti, ma con il loro essere humus che si mette con gioiosa dimenticanza di sé a disposizione della fioritura dell’opera di Dio. 
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: