In quel tempo, stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala.
Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.
Eb 5,7-9   Sal 30   Gv 19,25-27

Ciò a cui aspirano veramente i nostri dolori non sono tanto le soluzioni quanto la consolazione. E in quel “con” c’è tutto il segreto della relazionalità umana. «Ecco tua madre»: Maria ci viene donata sotto la croce del Figlio e sotto le nostre croci di figli come compagna di dolore, ma anche come barlume di speranza. Forse la più bella rappresentazione dell’addolorata è la pietà di Michelangelo. Maria, spezzata, non si scompone. Il suo dolore non la chiude in sé, ma rimane – come nell’annunciazione – grembo ospitale per la Parola. La sua bocca tace, ma tutto il suo essere è parola, è grido, è interrogazione e supplica. Dalle cose che patì, come il figlio, imparò l’obbedienza e la compassione per noi.
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: