In quel tempo, Gesù scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità.
Nella sinagoga c’era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!».
Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male.
Tutti furono presi da timore e si dicevano l’un l’altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante.

1Cor 2,10-16   Sal 144   Lc 4,31-37


La parola “diavolo” (da dia ballein) è tutt’un programma. Essa implica dispersione, separazione, un movimento centrifugo, una fuga da sé, dall’incontro e, in definitiva da Dio. Il diavolo in questo vangelo mostra di conoscere Gesù come «il santo di Dio», ma invece di convergere in riconoscenza verso di lui, verso la Fonte del suo essere, si ribella, rifiuta. È la prova che la fede va al di là del conoscere verso il riconoscere; che la vera fede non è solo questione di scienza, ma di coscienza e umiltà.
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: