In quel tempo, Gesù si mise a rimproverare le città nelle quali era avvenuta la maggior parte dei suoi prodigi, perché non si erano convertite:
«Guai a te, Corazìn! Guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a voi, già da tempo esse, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.
E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai! Perché, se a Sòdoma fossero avvenuti i prodigi che ci sono stati in mezzo a te, oggi essa esisterebbe ancora! Ebbene, io vi dico: nel giorno del giudizio, la terra di Sòdoma sarà trattata meno duramente di te!».
Is 7,1-9   Sal 47   Mt 11,20-24

Se non fossi un Dio giusto, non avrei creduto alla tua misericordia. Tutto sarebbe una farsa, un’ingiusta e crudele farsa e noi saremmo delle comparse insignificanti perché niente di ciò che siamo e facciamo conterebbe davvero. La tua giustizia è il sigillo della tua misericordia. Sei giusto, ma non arbitrario. Sei giusto, ma ti ricordi che siamo polvere. Sei giusto, ma la giustizia è un attributo del tuo amore. Aiutami a liberarmi dalle immagini monche e semplicistiche che da un lato fanno di te un giustiziere, dall’altro una giustificazione della mediocrità. Donami – con Thérèse di Lisieux – di contemplare la tua misericordia nella tua giustizia… e… nella tua grande misericordia cancella la mia ingiustizia.
Share To:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: