In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi.
Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge e i Profeti.
Entrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano. Quanto stretta è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e pochi sono quelli che la trovano!».

2Re 19,9-11.14-21.31-35.36   Sal 47   Mt 7,6.12-14


Ci capita di fidarci con una certa fretta delle persone per poi rimanerci male quando scopriamo che le persone non meritavamo tutta questa fiducia. Una cosa simile capita nella comunicazione della fede che è un sacramento di amicizia. Anche se vorremmo dire tutto l’amore di Dio a tutti, c’è una gradualità e una prudenza comunicativa che è bene osservare. Non è questione di elitarismo, è questione di sensibilità, di tatto e di conoscere il momento opportuno. Tutto questo ci ricorda che l’evangelizzazione prima di essere questione di parola, è questione di ascolto dell’Altro e dell’altro.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: