santa Caterina da Siena - Robert Cheaib - Theologhia.com CC-BY-NC

In quel tempo, Gesù disse:
«Ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio; nessuno conosce il Figlio se non il Padre, e nessuno conosce il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo.
Venite a me, voi tutti che siete stanchi e oppressi, e io vi darò ristoro. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per la vostra vita. Il mio giogo infatti è dolce e il mio peso leggero».
1Gv 1,5-2,2   Sal 102   Mt 11,25-30

I piccoli di cui parla il vangelo non sono «le piccole anime», ovvero, le anime mediocri. Se guardiamo i bambini intorno a noi scopriamo che hanno solitamente desideri di conoscenza, di incontro, di relazione ben più grandi di quelli degli adulti. È forse perché riconoscono la loro piccolezza che sono aperti alla crescita, e perché riconoscono quello che non sanno che si aprono alla conoscenza. La mitezza e l’umiltà si rivelano condizioni di accesso alla vera grandezza, la grandezza che siamo chiamati a ricevere da Dio. Ci rammenta santa Caterina da Siena: Non accontentatevi delle piccole cose. Dio le vuole grandi. Se sarete quello che dovete essere, metterete fuoco in tutto il mondo.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: