In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo:
«Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito.
Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente.
Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo.
Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».
Is 1,10.16-20   Sal 49   Mt 23,1-12

Quanto è faticoso recitare il ruolo di maestri quando si è semplicemente apprendisti della Via. Quanto è fuorviante voler fare le guide quando si è solo poveri mendicanti della Verità. Quanto è sterile credersi padri quando si è per sempre figli bisognosi di essere generati e rigenerati. Il segreto della fede viva è il rinnovato inizio, perché «vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante» (Cesare Pavese). Al cielo arriva una sola categoria di “perfetti”: i perfetti novizi che ad ogni istante rinnovano il sì grato al Gratuito Amore.

*
It's tiresome to recite the role of masters when you are simply a novice of the Way. It is misleading to want to be guides when you are a simple beggar of Truth. It is sterile to believe you’re a father when you are simply and always a son in need of being generated and regenerated. The secret of a living faith is the renewed start, because living is starting, always and over again at every moment. There is only one category of “perfect” persons who arrive to Heaven, the perfect novices, those who at every moment start over again.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: