In quel tempo, Gesù uscì di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro. Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano. Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: «Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?».
Udito questo, Gesù disse loro: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori».

1Sam 9,1-4.10.17-19; 10,1   Sal 20   Mc 2,13-17


Chi può meritare il favore di Dio? – Nessuno. Agostino insegna che i nostri stessi meriti sono grazie del Signore. Allora la logica che deve guidare il nostro rapporto col Signore non deve essere quella del merito, ma della grazia gratuita, donata ed effusa non a partire da noi, ma a partire da lui. Il paradosso è questo: il Padre non si china verso di noi perché lo meritiamo, ma perché non lo meritiamo, proprio come si somministrano le medicine a chi ne ha bisogno. Questo è il vangelo. Questa è la logica di Dio che sovverte i nostri crudeli sillogismi autopunitivi. Apriamoci allo scandalo del Dio che non solo mangia con i peccatori, ma diventa loro cibo.
Condividi:

Robert Cheaib

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Autore di diverse opere (Vedi link)

Conferenziere su varie tematiche tra cui l'ateismo, la mistica, il sufismo, la teologia fondamentale, le dinamiche relazionali e la vita di coppia...

Per il CV clicca qui


Posta un commento: